Risotto robiola e tartufo

Risotto robiola e tartufo

Caratteristiche:

    Assicuratevi di comprare il tartufo da commercianti o da cercatori abilitati in possesso della tessera regionale.

    ingredienti

    Indicazioni

    Share

    La ricetta di oggi è: Risotto robiola e tartufo. Il tartufo viene considerato come oro che impreziosisce un piatto, nei suoi confronti non ci sono mezze misure: passione incondizionata o irriducibile avversione.

    Abbinamento vino e tartufo: Il tartufo richiede vini non molto aromatici, che rischierebbero di sovrastarne l’aroma, non deve sapere troppo di vaniglia (controllate l’etichetta) e non deve essere molto acido. Detto questo tra i vini bianchi sono particolarmente indicati il Riesling, renano o italico. Buoni anche gli abbinamenti con il Bianco di Custoza o il Verdicchio, per i rossi opterei per vini morbidi e maturi, con tannini appena accennati, come il Nebbiolo o il Pinot Noir.

    Qualche consiglio:

    1. Il tartufo deve essere profumato e deve essere duro, non gommoso
    2. Conservatelo in un barattolo chiuso avvolto in carta assorbente per non più di una decina di giorni
    3. Non sbucciatelo, ma pulitelo con cura con uno spazzolino con le setole semirigide: tipo quelli delle unghie per intenderci.
    4. Non cuocerlo mai, il tartufo affettatelo sempre a crudo sul cibo.

    Se non sapete dove reperire il tartufo su Amazon potete trovare diversi negozi che lo propongono.

     

    (Visited 698 times, 1 visits today)
    Passo 1
    Segna come completo

    Iniziamo con il preparare il brodo, potete usare indifferentemente sia il brodo di carne che quello vegetale, io preferisco quello vegetale (per la ricetta clicca qui), naturalmente se non avete in casa i prodotti o non avete tempo potete utilizzare anche 1 dado.

    Passo 2
    Segna come completo

    Quando il brodo è pronto possiamo passare alla preparazione del risotto.
    fate imbiondire la cipolla in una pentola capiente con una noce di burro, stando attenti a non farla bruciare, unite il riso e fatelo tostare per qualche minuto (per capire se il riso è ben tostato deve avere le estremità trasparenti con la parte centrale più scura), quando sarà tostato aggiungete il brodo bollente, un mestolo alla volta, il riso dovrà essere appena coperto dal brodo, tenendolo sempre mescolato per non farlo attaccare aggiungete altro brodo man mano che il riso assorbirà il liquido.

    Passo 3
    Segna come completo

    A cottura quasi ultimata (circa 12/13 minuti) unite la robiola tagliata a tocchetti, la crema di tartufo mescolate energicamente per amalgamare tutti gli ingredienti, quando il riso sarà pronto spegnete il fuoco e unite il parmigiano e il burro mescolate per far mantecare.
    servite su un piatto con una grattugiata abbondante di tartufo a fette (per affettare il tartufo esistono degli attrezzi apposta Guarda qui).

    Torta di mele light senza burro 1
    precedente
    Torta di mele light senza burro
    Torta all’arancia e cioccolato bianco 1
    Il prossimo
    Torta all’arancia e cioccolato bianco
    • 698 Visualizzazioni
    • 25 min
    • Per 6
    • Media

    Condividi sul tuo social network:

    Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

    ingredienti

    Regola porzioni:
    500 g Riso riso carnaroli o riso nano vialone
    15 g Cipolla tritata
    1 Litro Brodo di carne o vegetale
    50 g Burro
    qb Grana o parmigiano
    75 g Robiola in alternativa un altro formaggio soffice come il Brie
    qb Olio d'oliva
    15 g Crema al Tartufo va bene sia al tartufo bianco, nero o tartufata
    30 g Tartufo fresco tagliato finemente. 5 grammi a porzione sono una grattata generosa.

    Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

    You need to login or register to bookmark/favorite this content.

    Torta di mele light senza burro 1
    precedente
    Torta di mele light senza burro
    Torta all’arancia e cioccolato bianco 1
    Il prossimo
    Torta all’arancia e cioccolato bianco

    Aggiungi il tuo commento