La cassoeula

La cassoeula

Caratteristiche:

    La verza consigliata per la casöra deve prendere il gelo, quando la verza prende le gelate invernali diventa più dolce e la casöra diventa un piatto da leccarsi le dita.

    ingredienti

    Indicazioni

    Share

    La cassoeula o in dialetto milanese la casöra è un piatto invernale tipico della cucina milanese e lombarda.

    Il nome deriva probabilmente dal cucchiaio con cui si mescola (casseou) o dalla pentola in cui si prepara (casseruola). Esiste un’altra spiegazione per il nome: è piuttosto noto che, per tradizione, il piatto venisse preparato dagli operai dei cantieri edili una volta che l’edificio fosse giunto al tetto ed il nome derivi dall’attrezzo utilizzato per mescolarla durante la cottura, per l’appunto la “cazzuola”.

    Questa ricetta è come me la insegnata mia Mamma ed è come lei l’ha imparata dai suoi genitori.

     

    (Visited 821 times, 6 visits today)
    Passo 1
    Segna come completo

    In una casseruola mettete le costine di maiale e le cotenne, fatele rosolare bene con poco burro (io uso un filo di olio al posto del burro) quando saranno ben colorate aggiungete la cipolla, il sedano e la carota fate rosolare per un minuto poi aggiungete il vino bianco e fate sfumare. Aggiungete il brodo aggiustate di sale e pepe e continuate la cottura per trenta minuti.

    Passo 2
    Segna come completo

    Mondate le verze eliminando le coste più dure e aggiungetele senza asciugarle alle costine strappandole in pezzi grandi, se arrivate a riempire la pentola e avete ancora verze da inserire basta che lasciate cuocere per 5 minuti con il coperchio finche le verze perderanno di volume e così potremmo inserire le restanti verze, coprite con il coperchio e lasciate cuocere a fuoco basso per un ora e mezza, ogni tanto mescolate e controllate se attacca sul fondo, nel caso aggiungete un bicchiere d'acqua.
    Servite ben calda magari con una bella fetta di polenta.

    Passo 3
    Segna come completo

    FACOLTATIVO

    In molti aggiungono anche il piedino di maiale, le orecchie e i verzini (salamini di maiale). Nella cottura vanno inseriti in pentola insieme alle costine e le cotenne, ricordate che sono pezzi molto grassi quindi per sgrassarli, prima è meglio farli bollire in acqua per circa 30 minuti

    Pasta al pesto di foglie di ravanelli 1
    precedente
    Pasta al pesto di foglie di ravanelli
    Pistacchi caramellati 2
    Il prossimo
    Pistacchi caramellati
    • 821 Visualizzazioni
    • 3 ore
    • Per 6
    • Media
    • Fuoco medio

    Condividi sul tuo social network:

    Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

    ingredienti

    Regola porzioni:
    2 Verza minimo, a noi piace molto la verza e ne mettiamo un pochino di più
    350 gr Cotenne di maiale
    1 kg Costine di maiale
    1 Cipolla
    1 Sedano
    1 Carote
    1 bicchiere Vino Bianco
    Pepe q.b.
    Sale q.b.
    1 mestolo Brodo

    Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

    You need to login or register to bookmark/favorite this content.

    Pasta al pesto di foglie di ravanelli 1
    precedente
    Pasta al pesto di foglie di ravanelli
    Pistacchi caramellati 2
    Il prossimo
    Pistacchi caramellati

    Aggiungi il tuo commento