Focaccia alla genovese

Focaccia alla genovese

Caratteristiche:

    il ciclo di lavorazione della focaccia alla genovese non dovrebbe essere inferiore alle otto ore, con una lievitazione quindi molto lunga. Io vi propongo una versione un po’ più veloce, ma lo stesso ottima.

    ingredienti

    Indicazioni

    Share

    Il periodo passato a lavorare in Liguria è stato strano, un cambiamento radicale nel modo di vivere, per una famiglia che prima abitava a Milano trovarsi proiettati nel centro storico di un paese ligure, dove il lavoro era nei caruggi (i caruggi o carruggi sono i tipici vicoli dei centri storici della Liguria, quelli stretti stretti per intenderci, e la sera in estate con quel flusso ininterrotto di persone che passeggiano)  e l’abitazione sopra l’attività, le abitudini sono cambiate da un giorno con l’altro, prima spesa nei centri commerciali e coda ovunque si andasse, dopo spesa nel piccolo negozietto che vendeva la verdura, un salto in Macelleria e naturalmente il Pane e la focaccia alla genovese, quella non poteva mancare, i miei figli che al tempo facevano le elementari la volevano sempre di merenda. Adesso che purtroppo siamo tornati a Milano, (bellissima città, ma i ritmi sono troppo serrati) la focaccia alla genovese me la devo preparare io, provatela è veramente saporita potrete usarla per accompagnare le vostre portate, e se volete scrivetemi se è stata di vostro gradimento.

    (Visited 2.825 times, 1 visits today)
    Passo 1
    Segna come completo

    Disponete la farina a fontana sulla spianatoia. Sciogliete il lievito in 1/2 bicchiere d’acqua tiepida, versatelo al centro e iniziate a impastare incorporando a mano a mano la farina: se necessario, aggiungete altra acqua tiepida.

    Passo 2
    Segna come completo

    Dopo un paio di minuti, unite metà del sale sciolto in 2 cucchiai di acqua tiepida. Lavorate l’impasto per almeno 1/4 d’ora finché sarà liscio e vellutato. All’inizio tenderà ad appiccicare, ma con il passare dei minuti diventerà morbidissimo. Mettete l’impasto in un contenitore unto con un po’ di olio e fatelo lievitare per circa 2 ore vicino a una fonte di calore (per esempio il calorifero).

    Passo 3
    Segna come completo

    Capovolgete l’impasto su una teglia oliata di 45x30 cm e allargatelo senza tirare la pasta, ma premendo con i polpastrelli. Dovrete occupare tutta la teglia con spessore omogeneo.
    Preparate 1 dl di emulsione costituita da 1/3 di acqua, 1/3 di olio, 1/3 di vino (se non lo usate, sostituitelo con acqua e olio in parti uguali) e il restante sale.
    Versatene poco più di metà sulla pasta e fatela penetrare leggermente con una piccola pressione delle dita.
    Lasciate lievitare altre 2 ore sempre vicino a una fonte di calore.

    Passo 4
    Segna come completo

    Con i polpastrelli, realizzate delle profonde fossette nelle quali verserete l’emulsione rimasta. Preriscaldate il forno a 230°, togliete la leccarda, adagiate la teglia sulla griglia sistemata nella parte più bassa e cuocete per circa 20 minuti. Per mantenere la focaccia morbida, ponete negli angoli del forno 4 ciotoline colme d’acqua.

    Frittata di patate
    precedente
    Frittata di patate
    Crema al caffè e Baileys
    Il prossimo
    Crema al caffè e Baileys
    • 2.825 Visualizzazioni
    • 35 min + 4 ore di riposo
    • Per 4
    • Facile
    • 230°

    Condividi sul tuo social network:

    Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

    ingredienti

    Regola porzioni:
    250 g tipo "0" Farina
    8 g Lievito di birra quello fresco
    5 cucchiai Vino bianco secco
    1/2 bicchiere Olio d'oliva
    5 g Sale

    Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

    You need to login or register to bookmark/favorite this content.

    Frittata di patate
    precedente
    Frittata di patate
    Crema al caffè e Baileys
    Il prossimo
    Crema al caffè e Baileys

    Aggiungi il tuo commento